I grandi mangiano i Piccoli, e un vago senso di ribellione

Image for post
Image for post
credit: Pixabay.com

Conosco Medium da qualche anno, ma lo frequento attivamente, come lettore e come creatore di contenuti, solo da pochi mesi; per un utente italiano la cosa che salta agli occhi immediatamente è che i contenuti scritti nella lingua del Manzoni sono praticamente inesistenti, una gocciolina in un oceano di articoli in inglese. A dirla tutta, parte della responsabilità ricade anche su Medium stesso, che circa un anno fa ha deciso di chiudere il suo branch italiano (un inglesismo ogni tanto non fa mai male).

Al di là delle politiche aziendali della piattaforma, quello che emerge è comunque chiaro: le storie su Medium in italiane sono pochissime, e probabilmente sono destinate a diminuire sempre più. Perché? Per quello che il libro Idee Virali chiama effetto San Matteo:

Perché a chiunque ha, sarà dato e sarà nell’abbondanza; ma a chi non ha, sarà tolto anche quello che ha.

(Matteo 25,29)

In parole povere: se sei grosso diventerai sempre più grosso, se sei piccolo, scomparirai.

La comunità di chi scrive in italiano su Medium è minuscola, confrontata con la massa totale degli articoli in inglese, perciò secondo l’effetto San Matteo, destinata a scomparire, o perché gli autori si convertiranno all’inglese nel desiderio di ampliare la loro visibilità, oppure perché molti, scoraggiati, smetteranno di utilizzare la piattaforma per i loro contenuti.

Ma allora perché ti ostini a scrivere in italiano? Bella domanda.

Ci sono tre risposte semplici e una complessa, ecco le semplici:

  1. Me la cavo bene con l’inglese, ma l’italiano mi piace, e mi diverto a scriere in questa lingua. Quindi non voglio smettere.

La risposta complessa invece è che non conta solo la dimensione della rete, ma anche quanto e come questa è connessa, e soprattutto conta il fatto che quelli che si rappresentano come i nodi di un grafo sono in realtà persone, e i collegamenti far loro spesso diventano amicizie, rapporti di lavoro, legami. E allora quello che volgio fare io non è collezionare followers o applausi (ma se vi lasciatemene un po’, che comunque fanno piacere), ma conoscere, ance solo virtualmente, scambiare idee, imparare qualcosa.

Perché le idee crescono e maturano solo quando circolano, e circolando ne fanno nascere di nuove e quelle appena nate crescono a loro volta moltiplicandosi sempre di più.

Insomma, è per questo che scrivo, ed è per questo che scrivo su Medium in italiano.

A proposito di idee e di S. Matteo, se passate per Roma andate a San Luigi dei Francesi a vedere la Vocazione di San Matteo, di un certo Caravaggio, lui sì era un tipo anarchico, ed è anche un genio assoluto dell’arte.

Fidatevi, è una visita che renderà la vostra vita migliore.

Image for post
Image for post
Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, La Vocazione di San Matteo. Fonte: wikipedia

Writer and science communication enthusiast, I think science can be fun and everyone can understand it!

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store